CALL US:

(+39) 02 86403643

Milano
viale Marche 71
e-mail: accademia@pec.accademiadibrera.milano.it
Triennio
Triennio
Praesent vestibulum aenean nonummy hendrerit mauris. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes ascetur ridiculus mus. Nulla dui. Fusce feugiat malesuada odio. Morbi nunc odio gravida at cursus nec luctus a lorem.
Biennio
Biennio
Praesent vestibulum aenean nonummy hendrerit mauris. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes ascetur ridiculus mus. Nulla dui. Fusce feugiat malesuada odio. Morbi nunc odio gravida at cursus nec luctus a lorem.
Master
master
Praesent vestibulum aenean nonummy hendrerit mauris. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes ascetur ridiculus mus. Nulla dui. Fusce feugiat malesuada odio. Morbi nunc odio gravida at cursus nec luctus a lorem.

Sabrina Melis installazione interattiva

La guerra è pace.
La libertà è schiavitù.
L’ignoranza è forza.
George Orwell (1949)

 

Il tema scelto per la realizzazione dell’installazione interattiva è quello dell’iper controllo  dell’uomo sia da parte di dispositivi di cattura delle immagini (telecamere di sorveglianza- immagini operative) che dalle compagnie che si occupano di profilazione degli utenti (facebook in primis) rendendoci individui machine readable, i cui bisogni e desideri vengono controllati e indotti quotidianamente.

 

L’installazione interattiva consiste nella costruzione di un pannello nel quale vengono  posizionati 84 occhi di bambola (12 colonne da 7 occhi ciascuna). Ogni colonna viene comandata da un servo motore, collegato ad un Arduino. Grazie alla presenza di una  kinect in cima al pannello, viene percepito il passaggio della persona. In base all’area che la persona occuperà l’Arduino azionerà i motori corrispondenti, che faranno aprire gli occhi delle colonne interessate, che di base stanno chiusi.

 

 

 

 

 

 

 

corso:
Progettazione Multimediale
a cura di Marco Pucci
Dipartimento di Nuove Tecnologie
Accademia di Belle Arti di Brera
2017

Nessun commento ancora

Lascia un commento